Malattie del legno

Mirabolano in fiore

Mirabolano in fiore davanti alla finestra della stanza

Nei giorni scorsi ho dovuto, con dispiacere, tagliare gli ultimi due mirabolani di un gruppo iniziale di tre. Due anni fa, il primo è crollato sulla stradina del vicino alla base della scarpatina sotto casa. Lo scorso anno uno dei due rimasti si è inclinato di molto verso la casa. In entrambi i casi la causa apparente è stata il peso della neve. In realtà la scorsa estate i due mirabolani rimasti hanno iniziato a manifestare alcuni sintomi di deperimento. Le foglie erano meno fitte e i frutti si presentavano deformati e asciutti sulla pianta. Per evitare che, in caso di prossime nevicate, i due alberi cadessero sotto il peso della neve ho deciso di tagliarli prima. Mi è dispiaciuto molto. I loro rami arrivavano molto vicini alle finestre della mia stanza e in primavera, aprirle al mattino e vedere quei piccoli fiori bianchi splendere ai primi raggi del sole, era uno spettacolo impagabile. 

Già mentre tagliavo i rami più alti a circa 4 metri da terra si notava nella loro parte centrale una colorazione particolare. Man mano che scendevo lungo l’albero depezzandolo, era sempre più evidente che la facilità con cui la neve aveva piegato le piante era dovuta non tanto al suo peso sui rami, ma all’instabilità della pianta causata da una fitopatologia radicale.

cancro del legnoNella foto qui sopra una sezione in un punto di biforcazione del tronco a circa 2,5 metri da terra. Tutto il tronco fino alla base presenta questa compartimentazione. E’ probabile che l’infezione del fungo che ha provocato il cancro del legno sia partita dalle radici indebolendole e minandone la stabilità.